Al Cibus con la bruschetta: La ricetta più salutare e più redditizia per l'economia italiana



La ricetta della salute migliore per gli italiani e redditizia per la nostra economia? Pane, olio e pomodoro. In occasione dell’evento-degustazione organizzato oggi a Cibus, il Salone dell’alimentazione in corso a Parma, lo hanno ribadito insieme ANICAV, l’Associazione nazionale delle Conserve vegetali, e ASSITOL, l’associazione italiana dell’industria olearia. Le due organizzazioni rappresentano 200 aziende nei settori del pomodoro da industria e dell’olio d’oliva e, in occasione dell’Anno del cibo italiano, hanno deciso di rilanciare la merenda tricolore, mettendone in lune la versatilità di benefici e sapori.

“Il pomodoro è da sempre un protagonista della cucina italiana. Accompagnato con l’olio esalta il sapore dei piatti, anche più semplici come la bruschetta, valorizzandone le proprietà salutistiche”, ha dichiarato Antonio Ferraioli, Presidente di Anicav.

La ricerca ha dimostrato da tempo che i tre alimenti rafforzano l’uno le proprietà benefiche dell’altro, trasformando questa semplice pietanza tradizionale in un vero e proprio “superfood”, totalmente a base vegetale, adatto a tutti i gusti e a tutte le età. Come ha osservato Palmino Poli, presidente di AIBI-ASSITOL, che rappresenta i semilavorati della panificazione, il trinomio, pane, olio pomodoro “ha unito l’Italia più della politica. La fortuna di questo mix è stata esplosiva, tanto che le varianti locali sono tante, tantissime, e prendono nomi diversi a seconda della regione o persino della città”. In Italia si contano circa 200 tipi di pane, con 1500 varianti: le possibilità di combinazione sono praticamente infinite.




Questo classico multi-generazionale continua a riscuotere un consenso unanime.  “Cambiano i nomi a seconda della regione – ha sottolineato Poli – ma quello che non cambia è la straordinarietà di questi sapori, che ci consentono, ogni volta, di riscoprire i tre alimenti cardine della nostra cucina. Senza di loro, la Dieta mediterranea non esisterebbe”.

Secondo numerosi istituti di ricerca, il matrimonio del pane con l’olio è particolarmente indicato perché ne riduce l’indice glicemico e, in una dieta varia ed equilibrata, può rappresentare un’ottima merenda per i bambini ed un vero e proprio piatto unico per gli adulti. Ma se a questi due si aggiunge il pomodoro, si crea una combinazione eccellente dal punto di vista nutrizionale. Lo ha spiegato durante l’incontro Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di ASSITOL ed esperta di chimica e analisi sensoriale: “E’ grazie all’olio extravergine che i micro-nutrienti del pomodoro sono assorbiti dal nostro organismo. In particolare, il licopene, sostanza antiossidante le cui virtù anti-tumorali sono oggetto di molti studi, è liposolubile, quindi è assimilato soltanto se addizionato ad un grasso come l’extravergine”.


La ricetta della salute si rivela ottima anche per il nostro Pil. L’industria del pomodoro si conferma, anche nel 2017, uno dei punti di forza dell’agroalimentare italiano. Il fatturato complessivo del 2017 

Nessun commento: