Clienti: ACIDO FOLICO 400 MICROGRAMMI NON SOLO IN GRAVIDANZA. ESTENDERE LA FINESTRA TERAPEUTICA A TUTTE LE DONNE IN ETÀ FERTILE


Il terzo “Mese della Prevenzione dei Difetti Congeniti e della Prematurità" riapre il dibatto sull’importanza dell’acido folico a 400 microgrammi per la prevenzione dei difetti del tubo neurale tra i nascituri

Gli esperti raccomandano: “basta assumere la giusta dose di Acido Folico 400mcg in tutta l’età fertile per migliorare la salute della popolazione futura” 

Aprile è il mese dedicato alla Prevenzione dei Difetti Congeniti e della Prematurità. In questa occasione Effik ed Italfarmaco riaprono il discorso intrapreso lo scorso settembre sull’importanza dell’assunzione dell’acido folico durante tutto il periodo fertile della donna. 

Il messaggio chiave “Estendere la finestra terapeutica” vuole essere un invito a tutte le donne sessualmente attive per agire consapevolmente e assumere preventivamente la giusta dose di acido folico (400 mcg) in modo da ridurre il rischio di difetti del tubo neurale e diminuire l’incidenza di cardiopatie, labbro leporino, prematurità, autismo e ritardo del linguaggio nei loro futuri figli.

Anche l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), comprendendo l’importanza della prevenzione delle malformazioni neurologiche, ha inserito l’acido folico a 400mcg, nell’elenco dei farmaci a rimborsabilità totale (classe A).  

Nessun commento: